La struttura a 3 atti

Le storie hanno 3 fasi: un Inizio, uno Sviluppo e una Fine. La struttura narrativa a 3 atti parte da Aristotele. Si basa sul principio della Dialettica, che prevede Tesi, Antitesi e Sintesi.

  • Tesi: Il Mondo ordinario
  • Antitesi: Il Mondo straordinario
  • Sintesi: Ritorno all’ordinario

Il passaggio da un momento all’alltro avviene attraverso 5 Plot Points.

  1. Evento scatenante
  2. 1° turning point
  3. Midpoint
  4. 2° turning point
  5. Climax
  6. [Risoluzione o Epilogo – facoltativo]

I punti 2 e 4 fanno da passaggio fra un atto e l’altro.
Il punto 6 è facoltativo, o implicito.

Evento scatenante

Primo Atto. Viene presentato il Mondo Ordinario.
Nel Mondo Ordinario entra un evento che rompe l’ordine.
Il personaggio non è ancora chiamato all’azione.

1° Turning Point

Il personaggio è chiamato all’azione.
Abbandona il Mondo Ordinario ed entra nello Straordinario.

Midpoint

Durante il Secondo Atto il personaggio viene esposto al conflitto, e messo di fronte all’antagonista.
Il Secondo Atto racconta tutti i tentativi fallimentari del personaggio di risolvere la storia.
Il Punto di Mezzo segna il Punto di Crisi.
Il personaggio cresce e si avvicina alla soluzione. Ma si tratta di una Soluzione Illusoria, che fa precipitare ancora più lontano dall’obbiettivo.
Viene data l’illusione che tutto sia risolvibile, ma si scopre che non è così.

2° Turning Point

Punto di Morte: tutto è perduto, non sembrano esserci speranze di salvezza.
Il tempo stringe. Da qui il racconto procede con urgenza. Non ci sono più possibilità di rimandare la risoluzione finale.
Inizia il Terzo Atto.

Climax

Scena madre.
Combattimento finale.
Il personaggio è messo di fronte al suo antagonista, e non ci sono alternative: o vive o muore.
Punto emotivo più alto del racconto.
Non esistono scene ulteriori, né possono esistere: il personaggio non sarà mai più interessante di così.

Finalissimo. Sollievo.
Ciò che è avvenuto durante il Climax è irripetibile: il personaggio non sarà mai più interessante di così.
Quello che vediamo sono le conseguenze delle sue azioni, il modo in cui il mondo è cambiato, il senso della storia (o la morale) che si palesa.